L’INSOSTENIBILE LEGGEREZZA DELL’ESSERE… GIOVANI.

maggio 2, 2012

Affrontare politiche serie rivolte  al mondo dei giovani è molto complesso per tutta una serie di motivi.
Un esempio? Il cercare di dare un solo significato alla parola “giovane” mentre questo termine racchiude un insieme di persone che per differenza di età, esperienze, cultura ed inclinazioni danno origine ad un universo incredibilmente variegato di bisogni, richieste e, di conseguenza, proposte e soluzioni.
Un altro? Il mondo giovanile è, da sempre, la naturale e sanguigna tendenza ad affermare le proprie peculiarità.
E ancora! L’entusiasmo per la vita, la voglia di trovare nuove soluzioni, di avere diversità di vedute con la generazione precedente è un motore per lo sviluppo sia economico che sociale.
Su queste basi, e cercando forzosamente di schematizzare le aree di intervento che un comune può ipotizzare, credo che sia  possibile individuare tre temi principali: studio, lavoro e tempo libero.
Sebbene non vi sia una così netta linea di separazione dei tre ambiti, possiamo comunque dare una dimensione e dei limiti ad ogni tema, quali:
– Studio: formazione, università, ricerca e collegamento con il mondo del lavoro.
– Lavoro: aggiungere al concetto di cercare lavoro, quello di creare lavoro. Costruire un incubatore di imprese giovanili nel quale le idee di impresa, soprattutto in settori innovativi, possano trovare un ambiente favorevole in grado di fornire tutto il supporto in termini di logistica e consulenza tali da poter far decollare  buone idee.
– Tempo libero: questa è forse la sfida più entusiasmante perchè per ottenere un risultato è fondamentale che più soggetti accettino di raccogliere la medesima sfida. Questi soggetti sono: mondo degli adulti, giovani ed amministrazione comunale.
La nostra proposta è quella di costruire insieme un luogo di aggregazione che riesca a coniugare i bisogni di espressione di ognuna delle diverse realtà giovanili cittadine, individuando un luogo rapidamente utilizzabile, che rispetti standard di sicurezza e sia in grado di permettere un buon livello di coabitazione con le persone e le famiglie che vivono nei pressi di tale luogo. Ipotizziamo di individuare un luogo ben inserito nel tessuto cittadino, diciamo un luogo interessante sia per dimensioni che per caratteristiche  architettoniche, per molti aspetti significativo ed interessante  per la rapidità con la quale potrebbe essere messo a disposizione.
Questo luogo andrebbe gestito – qui sta la sfida secondo me – dagli stessi giovani.
Ma come e con che caratteristiche?
In primo luogo la gestione andrebbe sdoppiata in gestione logistica e gestione dei contenuti. La gestione logistica è quella che permetterebbe di far funzionare materialmente la struttura, dai servizi di somministrazione alla pulizia e gestione del locale alla sicurezza e controllo delle aree esterne al fine di garantire il quieto vivere con chi giovane non è e si trova a vivere accanto al centro.
In secondo luogo occorre ipotizzare una gestione dei contenuti in grado di garantire spazio e libertà di espressione a tutte le realtà giovanili cittadine sia per orientamento, che per fasce di età che per inclinazioni e preferenze artistiche e culturali, garantendo il massimo pluralismo e la massima apertura.
In uno scenario di questo tipo la gestione di contenuti potrebbe essere affidata alle stesse associazioni giovanili mentre la logistica potrebbe essere curata da una cooperativa creata “ad hoc” costituita dalle medesime associazioni.
L’idea è di coniugare il tempo libero con il lavoro, il tutto affidato alle associazioni giovanili: dare responsabilità ed opportunità di espressione ai nostri ragazzi per riceverne nuove idee e una vigorosa spinta verso il futuro.
Un bel progetto.
Ma il luogo dove realizzare tutto questo?
Io ce l’ho ben chiaro: se accettate la sfida, proviamo a portare a casa, insieme, il risultato pieno.

Ti potrebbe anche piacere

  • Anonimo maggio 2, 2012 at 3:24 pm

    qual è il luogo che propone? grazie

  • Anonimo maggio 2, 2012 at 3:26 pm

    Ma in questi vent'anni chi ha governato Cuneo? Solite promesse da campagna elettorale

  • Anonimo maggio 2, 2012 at 4:05 pm

    In questi anni Cuneo è stata governata da esponenti presenti nella lista di Borgna e esponenti presenti in liste contrapposte. E mi pare che coloro che hanno governato non abbiano fatto un cosi' brutto lavoro…
    Di certo l'anonimo qua sopra avrebbe fatto di meglio! Che opportunità che ha perso la nostra città!!!!

  • Anonimo maggio 2, 2012 at 4:18 pm

    No, in questi anni ha sempre governato la stessa sinistra che oggi si presenta con Borgna. Chiariamo questo fatto.

  • Anonimo maggio 2, 2012 at 4:46 pm

    sinistra… forse più nuova DC

  • Anonimo maggio 2, 2012 at 5:06 pm

    Ah…allora l'assessora ha cambiato sponda. Scusate. Ero mal informato. Grazie del chiarimento!

  • Anonimo maggio 2, 2012 at 6:05 pm

    Ah…allora l'assessora ha cambiato sponda. Scusate. Ero mal informato. Grazie del chiarimento!