LA TANGENZIALE: UN’OPPORTUNITA’ DA NON LASCIARE CADERE NEL VUOTO

aprile 13, 2012

Nel corso dei loro interventi, altri candidati sostengono che i soldi utilizzati per la tangenziale possano essere usati per compiere altre opere, ma si tratta di un’ingenua utopia: i soldi necessari alla costruzione non sono stanziati dal Comune di Cuneo, ma dalla società che gestisce la Cuneo-Asti e, pertanto, sono strettamente vincolati alla realizzazione di QUESTA opera.
Se Cuneo rifiuta un finanziamento di 120 milioni di Euro, soprattutto in questa fase di scarse risorse finanziarie, questi fondi non saranno spesi per altro, MA ALTROVE, magari realizzando altra viabilità di raccordo nelle Langhe o nell’Astigiano.
Ecco il motivo per cui non dobbiamo lasciarci sfuggire un’occasione importante per la città, concentrico e frazioni.

Ti potrebbe anche piacere

  • Massimo Verna aprile 16, 2012 at 7:52 am

    Per liberare cuneo dal traffico inutile, per attrarre più turismo grazie ad una migliore fruibilità, per rendere l'aria della città più respirabile, per favorire l'intallazione di nuove attività produttive E' FONDAMENTALE!!!!!!!!
    Ma come accipicchia fanno, coloro che sono contrari ad un opera indispensabile per definizione, a pensare di ridurre il traffico in città e di veicolarne invece solo quello utile, produttivo, quello che serve veramente, senza migliorare la rete viaria esterna. Mah, che peccato che per un partito preso, per un gusto dell' opposizione fine a se stessa, ancora una volta ci sia chi non pensa al bene della collettività ma semplicemente alla propria visibilità politica. Probabilmente c'é chi sogna Cuneo come quei villaggi del far west dei vecchi film dove l'unica cosa che passa in mezzo alle baracche oramai sgangherate del centro sono i cespugli rotolanti trasportati dal vento e due vecchi sdentati seduti fuori dall'unico saloon rimasto, vicino alla loro bicicletta finalmente utilizzabile con l'aria fra i(pochi)capelli in centro strada.
    Il buon senso, tuttavia, prevarrà.