IL MIO AUGURIO, QUASI, NATALIZIO.

dicembre 24, 2011

Tu non sei solo i tuoi successi, come non sei i tuoi insuccessi; tu non sei le tue abilità, come non sei le tue disabilità; non sei la tua bellezza, né i tuoi difetti estetici, né la tua simpatia, né i tuoi periodi di sconforto, non sei il tuo lavoro, la tua famiglia, la tua casa, i tuoi amici, i tuoi libri, i tuoi viaggi; non sei solo quel bambino o quella bambina, né quel o quella ventenne, né, solo, quel  o quella, quarantenne. 
Tu, come chi ti sta, stava, starà accanto sei molto di più. Tu sei la somma, meglio il prodotto di tutto questo, perché ogni singolo aspetto del tuo essere opera da moltiplicatore, come lo lievito, con e per gli altri: quello che ti e mi, auguro è di capirlo, accettarlo e goderne, senza permettere che nessuno dei mille ingredienti di cui siamo fatti abbia il sopravvento sugli altri.
Tanti, tanti auguri.

Ti potrebbe anche piacere