Gli agriturismi di Terranostra e UICI per un nuovo turismo senza barriere

aprile 20, 2011

GLI AGRITURISMI DI TERRANOSTRA E UICI INSIEME PER UN NUOVO TURISMO SENZA BARRIERE

Un’offerta turistica nuova, appositamente studiata per rispondere alle esigenze delle persone colpite da disabilità visive e contribuire a diffondere un modello di turismo “senza barriere”.
E’ il progetto alla base dell’accordo “Piemonte per vedere oltre”, presentato martedì 19 aprile 2011, presso la sede di Coldiretti Piemonte, che nasce dalla collaborazione tra l’associazione Terranostra e il Consiglio Regionale Piemontese dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti. “L’obiettivo comune – dicono Franco Pigino, Presidente regionale di Terranostra, e Federico Borgna, Presidente Consiglio Regionale UICI – è quello di migliorare la fruibilità dell’offerta turistica sul territorio regionale, con una particolare attenzione verso le persone colpite da disabilità visive”.
Il progetto ha una doppia valenza – aggiunge Federico Borgna, è una possibilità offerta a ciechi e ipovedenti, non solo piemontesi, di poter godere di una offerta turistica sul nostro territorio in piena autonomia. Inoltre, i ciechi e gli ipovedenti, che sono circa il 2% della popolazione, rappresentano un’interessante nicchia di mercato per gli operatori del mercato turistico e questo progetto offre strumenti utili per approcciare la disabilità visiva nel modo corretto. Un sentito ringraziamento va a Coldiretti Piemonte per aver compreso da subito lo spirito collaborativo con cui la nostra associazione si propone ad enti, organismi ed istituzioni del territorio”.
“Negli ultimi anni, le offerte turistiche si sono moltiplicate e ormai coprono le più svariate esperienze – continua Pigino -. Gli agriturismi di Terranostra, sensibili ai bisogni delle persone con disabilità sensoriali, si impegnano a dare il loro contributo e a diventare un vero punto di riferimento nell’offerta turistica del territorio. L’obiettivo è quello di creare un’ospitalità sempre più attenta e partecipe, grazie alla conduzione familiare delle aziende aderenti al circuito di Campagna Amica, per sviluppare un nuovo modo di fare turismo, sempre più vicino alle esigenze dei nostri ospiti, garantendo servizi mirati per la cura e il benessere di chi sceglie i nostri agriturismi”.
Nell’ambito del convegno è stata annunciata l’organizzazione della prima “Cena al buio” con i prodotti tipici piemontesi, che si terrà presso un agriturismo del circuito di Campagna Amica Piemonte.

Torino, 19 aprile 2011

Ti potrebbe anche piacere