REPORT

marzo 22, 2010

In ambienti un po’ piu’ seriosi di quello di questa sera quello del titolo è il termine anglosassone utilizzato (…un po’ perchè fa figo…) per definire il riassunto di quanto successo in una riunione, in un incontro importante, in un assemblea… Beh, ecco… voglio fare il REPORT di una serata in cui Fede ha incontrato coloro che potranno decidere del successo della sua campagna elettorale. Del successo della persona no: quello credo che sia un dato di fatto ormai….
Un report, si. Ma non quello vero che riassume statistiche, chiarisce strategie o suggella importanti accordi commerciali. Un report sulle sensazioni captate, lette sui visi dei presenti all’incontro di Bernezzo di questa sera: incontro partecipato come ho sperato, seguito come mai avrei immaginato.
Lo so, mannaggia: sono di parte. Pero’ non ce la faccio a non registrare, a non mettere nero su bianco che questa E’ STATA UNA SERATA DIVERSA.
Ho visto sulle facce della gente attenzione agli argomenti. Ho visto le bocche aprirsi al sorriso x le battute e le fronti corrugarsi di fronte problemi che Federico affronta con il suo programma, semplice e concreto. Tutto questo è segnale di interesse e di preoccupazione per il futuro.
Qualche intervento. Non molti per la verità ma di sostanza. Del resto non siamo abituati a dire la nostra in politica. Ma dobbiamo IMPARARE. Democrazia partecipata. Il cittadino che parla e il politico che ASCOLTA. Una roba che a sentirla sembra arrivare dalla Luna!
Anche in questo Federico è particolare: la predisposizione all’ascolto. L’approccio alle difficoltà a partire dal basso, da chi è coinvolto, invischiato, soffocato nel problema.
E poi il finale: strette di mano, pacche sulla spalla, quattro chiacchiere… tutta fantastica roba normale.
Pero’ qualcuno gli ha dato del cavallo di razza: a vedere le facce di chi usciva dalla sala io qualche Euro lo punto… non si sa mai!!!
Buon voto!

Ti potrebbe anche piacere