SOS ESUBERI

gennaio 18, 2010
Come è noto il terremoto finanziario che nell’autunno 2008 ha duramente colpito il sistema bancario americano ha poi attraversato i mercati internazionali e si è trasformato in una profonda crisi economica europea ed italiana. Questa crisi – che il nostro Paese ad oggi non si è ancora lasciato alle spalle – sta mettendo a dura prova le realtà lavorative ad ogni livello.
Anche a Bernezzo e nelle zone limitrofe esiste un numero significativo di imprese in difficoltà, che cercano di fronteggiare la complicata congiuntura economica attraverso ridimensionamenti e ristrutturazioni che spesso si traducono per i dipendenti in periodi di cassa integrazione o addirittura nella perdita del posto di lavoro.
Per dare un senso di concretezza alla presenza di amministratori pubblici e rappresentanti degli enti locali davanti ai cancelli delle aziende in crisi, il comune di Bernezzo (con l’Assessorato ai problemi sociali ed alle politiche giovanili e degli anziani) ha dato vita al progetto Sos Esuberi che si pone l’obiettivo di fornire una risposta semplice, rapida ed efficace alle domande dei lavoratori bernezzesi in difficoltà. .
Lo scopo del progetto è creare un punto di riferimento immediato, gratuito, e facilmente fruibile per i cittadini bernezzesi che si trovano coinvolti in processi di ristrutturazione aziendale o impiegati in aziende con difficoltà economiche. Sos Esuberi permetterà di fornire una serie di informazioni di carattere preliminare, dando all’utente gli strumenti per orientarsi nel processo che lo coinvolge e permettendogli di decidere autonomamente – e con cognizione di causa – su quali siano le migliori azioni da intraprendere per far fronte alla situazione.
I lavoratori che lo richiederanno potranno infatti avvalersi della consulenza di avvocati con esperienza nel processo del lavoro, patronato Acli ed esperti in materia previdenziale, che – dopo aver esaminato ogni singola situazione – sapranno consigliarli e indirizzarli al meglio.
La crisi economica è un problema che riguarda tutti, per questo nessuno deve essere lasciato solo.

Ti potrebbe anche piacere

  • anna marzo 9, 2010 at 9:32 am

    concordo i lavoratori che rischiano di perdere il posto di lavoro hanno assolutamente bisogno di avere chiariti i diritti/doveri di ognuno; certo che il sindacato ormai non li tutela più e se lo fa è solo dietro congruo pagamento